Troppi disagi, meglio le prenotazioni obbligatorie per gli esami del sangue.

Le forze politiche di sinistra scrivono all’Asl To3 chiedendo di rendere necessaria la prenotazione telefonica per i prelievi al Poliambulatorio di via Philips al fine di eliminare le code all’aperto che si formano nelle prime ore del mattino.

“I provvedimenti relativi al Covid-19 e una sede Asl non più idonea, creano lunghe attese in strada. Il servizio di prenotazione telefonica e web che già esiste permetterebbe ai cittadini di evitare inutili sveglie all’alba”, scrivono PD, Sinistra Italiana, Articolo Uno e Italia Viva rivolgendosi all’Asl e al sindaco.

I prelievi, un servizio ad accesso diretto che non necessita di prenotazione, vengono effettuati dalle 7.30 alle 8.30 fino ad un massimo di quaranta persone al giorno: quindi, per essere sicuri di rientrare, in molti già all’alba si mettono in fila davanti al Poliambulatorio.

“Se fosse obbligatoria la prenotazione, i disagi diminuirebbero. In particolare per le persone anziane che sono tra quelle più vulnerabili e che hanno maggiori problemi a trascorrere tempo al freddo e in piedi”.

La richiesta di prenotazione obbligatoria deve andare di pari passo con un servizio telefonico adeguato: “La prenotazione telefonica deve essere garantita – scrivono i rappresentanti delle forze politiche – Ad oggi i tre numeri squillano senza risposta nonostante sul sito dell’Asl ci sia scritto che le prenotazioni si possono effettuare per telefono dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30, ai numeri 011/4991607-610-612  o via mail all’indirizzo cup.venaria@aslto3.piemonte.it/”.

Carmen Taglietto

© Riproduzione riservata