Intensificare la collaborazione già avviata fino ad arrivare ad un vero e proprio accordo quadro sulla salute fra Italia e Francia, che parta dalle attività sul territorio, dai percorsi condivisi sull’assistenza e sulla cura delle malattie croniche.

È il traguardo a cui stanno lavorando l’Asl To3 e il Centre Hospitalier des Escartons de Briançon, nello sviluppo del progetto di cooperazione transfrontaliera Prosanté, che rientra nel programma Alcotra dell’Unione Europea: le due direzioni si sono incontrate prima della fine dell’anno, esattamente giovedì 19 dicembre, nell’ospedale della città francese in occasione del Comitato di Pilotaggio, per fare il punto sullo stato di attuazione del programma e per definire le strategie future.

La delegazione italiana era guidata dal direttore generale dell’Asl To3 Flavio Boraso e dal direttore sanitario Davide Minniti, quella francese dal direttore dell’ospedale di Briançon Yann Le Bras e dal sindaco di Briançon Gerard Fromm.

Si parte dai risultati estremamente positivi ottenuti finora. Sono già circa 500 le prestazioni che sono state erogate nell’ambito dello scambio fra Italia e Francia, grazie ai percorsi transfrontalieri condivisi fra medici e pazienti di entrambi i Paesi, in particolare per quanto riguarda la cardiologia, la ginecologia, l’urologia, la dermatologia e l’anestesia.

Ampio servizio su La Valsusa del 9 gennaio.

Giorgio Brezzo

© Riproduzione riservata