Due giorni dedicati all’ambiente con Puliamo il Mondo, l’iniziativa promossa da Legambiente.

1.600 volontari tra venerdì e sabato si sono attivati per ripulire alcune aree del territorio privilegiando, come suggerito da Legambiente, le sponde dei fiumi.

Una sessantina i ragazzi delle scuole coinvolti a Bardonecchia, ben 600 quelli che nella giornata di venerdì si sono impegnati nelle operazioni di pulizia a Oulx: “Il coinvolgimento delle scuole è stato fondamentale”, spiega Paolo De Marchis, consigliere delegato all’istruzione ed ex sindaco ma anche insegnante. Ma Puliamo il Mondo si inserisce in un progetto più ampio, la Scuola della buona cittadinanza. “Dobbiamo imparare ad essere buoni utenti del pianeta”, aggiunge il sindaco Andrea Terzolo.

“Puliamo il mondo non deve essere un avvenimento spot, bisogna moltiplicare le iniziative”, afferma il neo presidente dell’Unione Montana della Valle, Pacifico Banchieri che è anche primo cittadino di Caselette.

Intanto sabato un migliaio di volontari, soprattutto ragazzi, si sono impegnati per ripulire 26 km di sponde della Dora, da Collegno ad Avigliana, dove è stata recentemente istituita la Zona Naturale di Salvaguardia Dora Riparia.

Puliamo il Mondo 2019 si è svolta con la collaborazione dei circoli di Legambiente e con la Fondazione Magnetto.

Articolo completo su La Valsusa di giovedì 26 settembre.

Carmen Taglietto

 

© Riproduzione riservata