Novena per il Cottolengo –  Da martedì 21 a mercoledì 29 aprile in tutte le Piccole Case della Divina Provvidenza presenti nel mondo si tiene la novena in preparazione alla festa di San Giuseppe Benedetto Cottolengo del 30 aprile.

Ogni giorno della novena sarà proposta una meditazione sulla spiritualità cottolenghina a cura di don Luca Peyron, direttore della Pastorale Universitaria della Diocesi di Torino e coordinatore del Servizio diocesano per l’Apostolato digitale.

La meditazione sarà trasmessa ogni giorno alle 16 in filodiffusione nelle diverse famiglie della Piccola Casa di Torino e sarà disponibile su www.cottolengo.org dalle 15.

Sacerdoti in ascolto – Nel tempo difficile della pandemia da Covid-19, sono molte le iniziative delle comunità diocesane per restare vicine alla nostra gente, soprattutto ai più poveri e sofferenti. Più volte l’Arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia, ha espresso la propria gratitudine per tanta creatività dell’amore, che rende possibile la prossimità della Chiesa in un contesto tanto complesso e inedito.

Ed è proprio in questa prospettiva che l’Arcivescovo desidera inaugurare un nuovo servizio a sostegno di chi soffre,  che risponde a specifiche esigenze e richieste di aiuto.

Da parte di alcune associazioni di volontariato, che offrono servizi di supporto psicologico attraverso chiamate telefoniche, sono infatti giunte più richieste di attivazione di un servizio simile, telefonico, ma di natura spirituale, di chi cerca esplicitamente il confronto con un sacerdote.

Tutti i parroci e tutti i preti si sono in qualche modo attivati per farsi prossimi, anche telefonicamente, a persone sole, malati, anziani così come ragazzi, giovani e gruppi famiglia.

Molte sono però le persone che non hanno un punto di riferimento spirituale, che non sanno chi chiamare per ricevere un sostegno per la propria fede o ricerca di senso.

Il nuovo servizio si chiamerà «Pronto all’ascolto» (cfr Gc 1,19) e avrà la struttura simile ad un call-center: dalle ore 10 alle ore 12, dalle ore 16 alle ore 18, dal lunedì al sabato, si potrà chiamare il numero del servizio e si verrà immediatamente messi in contatto con i preti disponibili per quella fascia oraria, ricevendo innanzitutto ascolto (come esorta l’apostolo Giacomo) ma anche condivisione della fede e prudenti consigli per attraversare questo momento difficile.

Ai sacerdoti è chiesta la disponibilità da un minimo di un’ora a settimana, in orari e giorni scelti a discrezione personale.

Si potrà comunicare la propria disponibilità scrivendo a prontoascolto@upgtorino.it

A cura de «La Voce e il Tempo»
Settimanale diocesano di Torino

© Riproduzione riservata