Il prossimo 1°gennaio andrà in pensione Rosangela Mango, coordinatrice delle Cure domiciliari di Giaveno e responsabile infermieristica del Cavs. Ma, molto al di là del suo ruolo, Rosangela Mango è irrinunciabile punto di riferimento per l’organizzazione dell’assistenza ai pazienti fra ospedale e territorio, proprio a partire dalle cure domiciliari, che servono un bacino di 25mila persone fra Coazze, Valgioie, Giaveno, Trana, Reano e Sangano, fino ai posti letto per la lungodegenza di Giaveno, oggi tutti occupati da pazienti Covid a bassa intensità.

Nella nostra Asl dal 2004, quando ancora si chiamava Asl To5, Mango aveva lavorato prima, dal 1984, al Mauriziano, dove visse l’epoca eroica della professione infermieristica, quando fare il turno notte significava badare a tutto l’ospedale, non solo al proprio reparto, con la responsabilità di risposte efficaci e rapide alle necessità dei pazienti. Coordinatore infermieristico della Dialisi di quell’ospedale, e poi a Giaveno fino ad oggi, ha saputo costruire negli anni un legame forte con i pazienti, i colleghi, i medici di medicina generale, le associazioni di volontariato del territorio diventando emblema di quella rete che un’azienda sanitaria locale deve realizzare, un tessuto a maglie strette per la migliore cura e assistenza per i pazienti.

A Rosangela Mango il ringraziamento sentito della direzione della AslTo3 – ha dichiarato Franca Dall’Occo, direttrice generale – nella speranza di saper continuare tutti nel segno da lei tracciato e far tesoro della ricchezza professionale e umana che ha donato con grande generosità a tutti noi”.

© Riproduzione riservata