Sono sempre presenti, allungano il braccio e si fanno in quattro per aiutare durante le calamità naturali. Nell’esercito, gli alpini e i bersaglieri non si tirano mai indietro, hanno servito il Paese durante le guerre. Domenica 14 luglio, a Sant’Antonino, ci sarà un raduno proprio di alpini e bersaglieri di tutta la Val di Susa.

Un paio di anni fa il paese aveva già ospitato i bersaglieri che con gli alpini hanno in comune la volontà al soccorso. Chi ha qualche anno in più ricorda ancora bene l’alluvione di Firenze del 1966 quando dalla biblioteca venivano tirati fuori i libri e passati di mano in mano grazie anche ai bersaglieri, lì presenti.

Il programma della giornata del 14 luglio è il seguente: alle 8.30 l’ammassamento in piazza della Pace, alle 9.45 partirà la sfilata per le vie cittadine; alle 10.30 l’arrivo in piazza Libertà; seguiranno l’alzabandiera, l’onore ai caduti e i discorsi; alle 11 verrà celebrata la Santa Messa; alle 12 l’inquadramento con l’arrivo in piazza della Pace e per concludere, alle 13, il pranzo presso il Polivalente in piazza della Pace.

Saranno presenti autorità civili e militari ANA (Associazione Nazionale Alpini) e ANB (Associazione Nazionale Bersaglieri), la Fanfara Alpini Montenero di Torino, la Fanfara Bersaglieri Arturo Scattini di Bergamo e la Pattuglia ciclisti Bersaglieri di Ciriè.

© Riproduzione riservata