A SANT’ANTONINO non mancano i cittadini che considerano il paese come un bene comune. La prova? La firma di due nuovi patti di collaborazione tra il Comune e residenti che si assumono l’impegno a prendersi cura di due aree pubbliche.

Due nuovi ”cittadini attivi” che si aggiungono ai cinque che hanno già aderito all’iniziativa .

Il primo è Carlo Cometto, che si occuperà della pulizia della fontana e della fioriera di via Torino, di proprietà comunale. Cometto curerà la manutenzione, la diserbazione dalle erbacce, la pulizia della fontana e l’abbellimento della fioriera.

La seconda è una santantoninese che desidera rimanere anonima e che si occuperà della cura di un’area pubblica di fronte alla propria abitazione.

Come per gli altri patti di collaborazione, l’intervento previsto è realizzato in autonomia nel rispetto delle prescrizioni e precisazioni a cura dell’ufficio tecnico e  i costi per lo svolgimento dell’intervento sono integralmente a suo carico.

“Il Comune – spiega la sindaca Susanna Preacco – ricorda ancora una volta che ”cittadini attivi” possono essere singoli santantoninesi  o associazioni e che il rapporto si può concretizzare in due direzioni: o su proposta dei santantoninesi o su quella dell’amministrazione comunale. I soggetti stringono così un patto di collaborazione che ha l’obiettivo di proteggere, conservare e manutenere i beni comuni urbani per garantire e migliorare la loro fruibilità e qualità. Il regolamento, scaricabile dal sito internet comunale, prevede anche il mecenatismo, come sostegno economico alle attività culturali o materiali che può tradursi in un contributo per la conservazione di un bene o per l’organizzazione di un evento”.

© Riproduzione riservata