Non è ancora una certezza ma è molto probabile che a causare il malessere che due settimane fa ha colpito una cinquantina di bambini della scuola per l’infanzia di S.Antonino non sia stata un’intossicazione alimentare ma un virus parecchio aggressivo che, tra l’altro, nulla avrebbe a che fare con l’influenza.

A farlo sapere è l’Asl To3 che, però, precisa che al risultato finale mancano ancora alcuni test che termineranno entro le tre settimane comunicate all’inizio della vicenda.

I bambini colpiti dal virus sarebbero 55. Da quanto emerso in questi giorni il malessere, proprio per la particolare aggressività del virus, si sarebbe esteso, in non pochi casi, anche ai famigliari dei bambini

E’ la stessa ASL a comunicare che “l’ipotesi più probabile rispetto all’agente infettivo che ha causato i sintomi indica il Norovirus, virus a trasmissione inter-umana. Sono tuttavia ancora in corso alcuni approfondimenti analitici ed epidemiologici, per confermare l’ipotesi”.

Allo stato attuale, quindi, non si sarebbe verificata alcuna intossicazione alimentare ma un’infezione, una gastroenterite acuta di origine non batterica. Ulteriori dettagli si potranno conoscere al termine delle analisi.

© Riproduzione riservata