L’annuncio è stato dato dalla sindaca tramite Facebook, tanti messaggi di cordoglio sono in seguito arrivati alla famiglia di Raffaele Ierardi, di Sant’Antonino, che è mancato martedì 8 dicembre all’età di 54 anni.

Conosciuto affettuosamente come “Lele”, da anni stava combattendo un tumore e negli ultimi tempi lo stava tenendo sotto controllo. A fine novembre, però, aveva accusato i primi sintomi del Covid-19, come tosse e febbre. Infine il ricovero all’ospedale San Luigi di Orbassano, dove è poi mancato, purtroppo lontano dai suoi affetti, come molte altre persone in questo fin troppo lungo periodo.

Era sposato con Antonella Tufano: proprio lei ha voluto che la sindaca Susanna Preacco diffondesse la notizia sul social. “È morto Raffaele – si legge dal post su Facebook della sindaca – un uomo buono e dolce, un bravo marito e padre, buon amico di tutti. Oggi ho parlato con sua moglie e, con la sua autorizzazione, anzi richiesta esplicita, vi dico questo. Raffaele è morto DI Covid, non con il Covid, ma DI Covid. Ho sentito un dolore immenso nelle parole di Antonella quando me lo ha raccontato; Raffaele è morto di questa malattia subdola e terribile e lei mi ha pregata di darvi questo messaggio”. I funerali si sono svolti giovedì 10 dicembre nella chiesa parrocchiale di Sant’Antonino.

Nato a Rocca di Neto nell’ottobre del 1966, in provincia di Crotone, in Calabria, Raffaele Ierardi si era trasferito a Sant’Ambrogio e poi a Sant’Antonino. Aveva appreso la manualità e la tecnica da paramanista da suo padre, fin da giovane. Ha fatto del baseball una sua grande passione, e in tanti lo ricordano sui diversi diamanti della Valle di Susa.

Il messaggio lanciato dalla moglie, tramite la sindaca vuole essere un modo per ricordare quanto il virus non sia da sottovalutare o addirittura negare. “Auguriamoci tutti – conclude Preacco su Facebook – che la tua scomparsa sia di monito ai tanti, ai troppi, che dicono che il Covid non esiste. Ciao Raffaele, che la terra ti sia lieve”.

Servizio su La Valsusa del 17 dicembre

A. D.

© Riproduzione riservata