Nella notte fra martedì 18 e mercoledì 19 giugno, alcuni malviventi si sono introdotti all’interno della scuola dell’infanzia comunale di Sangano, situata in via Gino.

I ladri sono entrati dal retro, spaccando alcune serrature, e hanno portato via una macchina del caffè, un vecchio computer portatile e qualche spicciolo che hanno trovato.

“Il valore della refurtiva è, tutto sommato, abbastanza contenuto ed è sicuramente inferiore ai danni che hanno fatto per entrare, dato che, oltre alle serrature rotte, i malviventi hanno anche forzato gli armadietti metallici, alla ricerca di chissà quale tesoro” spiega il sindaco di Sangano, Alessandro Merletti.

La scoperta del misfatto è stata fatta intorno alle 7 della mattina di oggi, mercoledì 19, quando le collaboratrici scolastiche hanno aperto la scuola che ospiterà le lezioni dei piccoli allievi fino al prossimo 28 giugno.

I Carabinieri di Piossasco, intervenuti per raccogliere la denuncia degli insegnanti, parlano di una sorta di “rito di iniziazione al furto”: giovani ladri alle prime armi che vengono “addestrati” su obiettivi semplici.

“Via Gino è sorvegliata da una nostra telecamera e l’ingresso della scuola si trova proprio sotto il suo occhio, ma, purtroppo, dato che i ladri sono passati dal retro, di quelle immagini ce ne faremo ben poco”, conclude amareggiato Merletti.

© Riproduzione riservata