Ha lasciato sgomenti i sanganesi la notizia, giunta nel tardo pomeriggio di mercoledì 2 dicembre, della morte di Sergio Pastò, da tutti conosciuto come il “Nonno vigile” che ogni mattina permetteva ai bimbi della primaria di entrare a scuola in tutta sicurezza.

Il signor Pastò, 74 anni, era ancora molto attivo nella vita associativa sanganese e da circa sei anni era entrato a far parte anche della Pro Loco.

Era il nostro tuttofare — lo ricorda il presidente, Sergio Pasta —. Principalmente si occupava del nostro magazzino, ma se c’era da fare qualcos’altro, si fosse trattato anche di una saldatura, lui non si tirava indietro. Ci mancherà tantissimo; ci stringiamo in un abbraccio affettuoso a sua moglie e a tutta la sua famiglia”.

A interrompere bruscamente la vita del “Nonno vigile” è stata una polmonite causata dal coronavirus.

La covid- 19 se l’è portato via nel giro di qualche giorno e ha fatto del signor Pastò la prima vittima sanganese di questa seconda ondata, proprio nel momento in cui la situazione in paese cominciava a migliorare.

Servizio su La Valsusa del 10 dicembre.

Alberto Tessa

© Riproduzione riservata