Dalla fine di marzo sono operative nel Comune di Sant’Antonino due nuove volontarie in servizio civile.

Sono Chiara Agostini e Rossella Porro. Per un anno si occuperanno di ambiente, salvaguardia e tutela di parchi e oasi naturalistiche e di rifiuti, nell’ambito del progetto “Luogo Comune”.

Chiara Agostini, 26 anni, di Torino, laureanda alla specialistica in Scienze Geologiche Applicate, è appassionata di balli popolari e di tutto ciò che riguarda la tradizione. Rossella Porro, di Sant’Antonino, 21 anni, ha frequentato il primo anno di Scienze naturali e tiene lezioni presso la Polisportiva di Villarfocchiardo. Da anni è una scout, ora educatrice nel gruppo Bussoleno 1. Entrambe amano le montagne e sono attente al territorio soprattutto, dal punto di vista ambientale.

Il progetto proposto dal Comune è, per l’ultima  volta, dedicato all’ambiente, in continuità coi progetti precedenti,  e le due volontarie sono assistite dal vicesindaco Rocco Franco in qualità di organizzatore e dall’operatore locale di progetto nonché esperto ambientale Elio Giuliano, già guardiaparco all’Orsiera  – Rocciavrè, che da anni collabora col Comune.

Lavorano 30 ore a settimana e si occupano di un lungo elenco di questioni: guidati da Elio Giuliano, della cura della zona umida dei Mareschi con la pulizia dei sentieri e il censimento delle specie all’interno del parco, del monitoraggio delle sorgenti, della prevenzione di situazioni di rischio e ambientale tramite il costante monitoraggio e la cura del territorio, di rifiuti, dell’informazione sulla situazione dell’ambiente e del verde pubblico e della sua sensibilizzazione anche tramite interventi con le scuole per le quali organizzeranno incontri presso lo stagno didattico dei Mareschi.

© Riproduzione riservata