La Giunta Comunale di Sauze d’Oulx martedì 30 marzo ha deliberato di concedere contributi a fondo perduto a supporto di attività economiche in difficoltà in seguito all’emergenza Covid-19.

Il sindaco Mauro Meneguzzi presenta il bando: “Con grande soddisfazione siamo riusciti ad emettere il bando per erogare contributi a fondo perduto a quelle attività economiche del nostro Comune messe in grande difficoltà dalla pandemia Covid-19. Si tratta di una misura emergenziale di tipo straordinario “una tantum”, volta a mitigare gli impatti socio-economici derivanti da questa crisi sanitaria ed epidemiologia. A tal fine andremo a stanziare con risorse di bilancio proprie e con i 26mila euro derivanti dal fondo di sostegno nazionale previste dal DPCM 24.09.2020 con il quale vengono stanziati contributi a favore delle attività produttive nei piccoli Comuni. Cercheremo di non escludere nessuno. Riceveremo le domande e tireremo le somme, cercando poi di recuperare nell’Avanzo di amministrazione le risorse necessarie a coprire tutte le regolari richieste che perverranno al protocollo”.

Il primo cittadino indica anche indica i beneficiari del contributo: “Potranno richiedere il contributo emergenziale a fondo perduto tutte le piccole e micro imprese con sede legale e/o operativa o unità locale operanti sul territorio del Comune di Sauze d’Oulx. Nello specifico parliamo di un contributo di € 2.000 per le strutture ricettive alberghiere e le strutture ricettive extra alberghiere; contributo di € 1.000 per esercizi di commercio al dettaglio in sede fissa (esercizi di vicinato e medie strutture di vendita), titolari di licenze per l’esercizio dell’attività di noleggio veicoli con conducente, esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, acconciatori ed estetisti, tintolavanderie, laboratori gastronomici, gestori di attività di intrattenimento e svago e attività sportive, farmacie, centri medici, rivendite quotidiani, riviste e periodici, tabacchi e generi di monopolio, agenzie di viaggi, agenzie immobiliari, noleggi attrezzature sportive, scuole di sci, sci club, noleggio motoslitte ed elicottero, studi professionali; contributo di € 600  maestri di sci associati ad una Scuola di Sci o liberi professionisti con P.Iva, artigiani, produttori agricoli”.

L’assegnazione del contributo avverrà previa presentazione da parte del soggetto interessato di apposita domanda.

La domanda di richiesta di contributo dovrà pervenire entro il 20 aprile.

© Riproduzione riservata