In chiusura del 2020, i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese sono intervenuti a Sestriere per recuperare uno scialpinista con una sospetta frattura a una gamba.

La chiamata è giunta il 31 dicembre intorno alle 17.30, dalle piste ai piedi del Monte Motta.

L’incidente si era verificato quasi due ore prima, ma l’uomo era accompagnato da alcuni compagni di gita che avevano cercato di soccorrerlo in autonomia prima di attivare il 112.

Non appena è partita l’allerta, due Carabinieri si sono recati dall’infortunato in motoslitta, verificando che era necessario evacuarlo con il toboga.

Nel frattempo, le squadre del Soccorso alpino si sono organizzate e, con la collaborazione del comprensorio della Via Lattea che ha messo a disposizione due mezzi battipista, si sono portati a monte con l’attrezzatura tecnica e sanitaria per effettuare il recupero.

L’uomo è stato stabilizzato e caricato sul toboga, in seguito è stato trasportato a valle dai tecnici con gli sci. Nel frattempo altre squadre erano accorse, mentre i battipista illuminavano con i fari la discesa. Intorno alle 21,30, in frazione Borgata, è stato consegnato all’ambulanza per l’ospedalizzazione.

© Riproduzione riservata