Niente sesta edizione per la suggestiva gara di skyrunning di fine luglio denominata “Red Bull K3“, il triplo km verticale che partendo da Susa, e passando da Mompantero, portava gli atleti sulla vetta del Rocciamelone.

Ce lo ha confermato uno dei tre organizzatori, Maurizio Scilla (gli altri due sono i valsusini Nico Valsesia e Marco Abbà).

Perché la gara è saltata? “Red Bull non ha rinnovato la sponsorizzazione- ci ha detto Scilla- e senza uno sponsor valido è impossibile organizzare il K3 a un certo livello. Nonostante le tante energie spese non siamo riusciti a trovare un nuovo sponsor. Questa cosa ci fa soffrire parecchio, perché noi siamo innamorati della nostra gara, siamo innamorati del ‘Roccia’, e ci dispiace non poter organizzare una gara per la quale tutte le settimane riceviamo richieste da tutto il mondo. Proprio oggi (mercoledì 23 gennaio, ndr.) ho mandato una mail a tutti gli atleti che hanno partecipato alla gara (1500 atleti diversi in questi anni), in tre lingue, dicendo che non ci sarà il K3”.

Non si disputerà mai più? “Noi speriamo di poter ripartire nel 2020”.

Giorgio Brezzo

Maurizio Scilla

Gli organizzatori della Red Bull K3

© Riproduzione riservata