Nel suo decimo anno, la formula della Giornata del Patrimonio Archeologico della Valle di Susa, organizzata da “Valle di Susa. Tesori di Arte e Cultura Alpina”, in collaborazione con la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Torino domenica 22 settembre, si è rivelata ancora vincente: nonostante le condizioni meteo avverse, le proposte di visita e animazione dislocate sull’intero territorio hanno ottenuto un’ottima partecipazione di pubblico, che ha colto l’occasione di scoprire i principali siti archeologici valsusini, alcuni dei quali visitabili eccezionalmente per la Giornata.

Da Bardonecchia a Caselette, erano dodici i comuni che, grazie al prezioso supporto delle associazioni e dei singoli volontari, hanno aderito all’iniziativa garantendo l’apertura di numerosi beni, oggetto di accompagnamenti guidati gratuiti, e attività di animazione intorno al tema scelto quest’anno come pivot intorno a cui costruire eventi e incontri: la strada.

Ma entriamo nel dettaglio dell’iniziativa snocciolando qualche numero. A Condove i tre siti aperti (Castrum Capriarum, Chiesa romanica di San Rocco e Fucina Col) hanno accolto un’ottantina di visitatori.

Buon numero di adesioni, circa cinquanta, alle visite all’ecomuseo Colombano Romean, al mulino idraulico del Martinet e all’Hotel Dieu a Salbertrand; la sede del Parco nel pomeriggio ha ospitato lo spettacolo teatrale “Passaggi” di ArTeMuDa, che ha attratto una quarantina di persone.

Numeri positivi anche per la villa romana di Almese – 75 passaggi – che è stata sede, sabato 21 settembre, di letture da scrittori e poeti latini, a cura della compagnia teatrale Berteatro, e della degustazione di vini locali mentre la domenica ha ospitato i rievocatori de “Le vie del tempo”. Oltre venti persone, particolarmente interessate agli aspetti storico e architettonico del sito, hanno scelto di visitare il ricetto di San Mauro.

Oltre ottanta i presenti alla villa romana di Caselette, dove il gruppo di rievocatori Okelum ha mostrato l’arte gladiatoria. Al Museo Laboratorio della Preistoria di Vaie buona adesione a tutte le attività proposte: visite guidate, laboratorio per bambini e intervento della direttrice Stefania Padovan sul tema della giornata, assai seguito e stimolante.

Bilancio positivo anche per la torre delfinale di Oulx con circa 20 visitatori, Borgone Susa con la cappella di San Valeriano e il “Maometto”, Bruzolo con l’antica fucina, Bardonecchia con il parco archeologico “Tur d’Amun”, Avigliana con il castello, il centro storico e la Chiesa di San Bartolomeo, e Susa; qui particolarmente degna di nota “On the road“, visita guidata in notturna alla scoperta dell’evoluzione del sistema viario della città nel tempo la sera di sabato 21 settembre.

Pienone per il Museo Archeologico dell’abbazia dei SS. Pietro e Andrea a Novalesa, circa 160 presenze al complesso.

Sabato 28 settembreL’archeologia fa il bis!”, una giornata di festa dedicata a tutti i volontari e per il pubblico che vorrà intervenire: al castello del Conte Verde di Condove sono in programma animazioni pomeridiane con visita dell’accampamento medievale, dimostrazioni di combattimento, spettacolo di falconeria.

Alle 15 prenderanno il via le visite guidate da parte dei volontari formati dal piano di valorizzazione “Valle di Susa. Tesori di Arte e Cultura Alpina”.

Alle 16 inizierà la festa tra le mura del castello con giochi per grandi e piccini, musiche e campo medievale.

Seguiranno, alle 16.30, uno spettacolo di falconeria a cura de “Il mondo nelle ali” e alle 17.30 danze e combattimenti a cura di Vox Condoviae e Taurus Medieval Fight Club – Torino.

Infine, alle 18.30, appuntamento con “Chronicon: Storie di Novalesa”, racconto teatrale a cura di AB. Fabbrica Creativa di e con Alberto Borgatta.

Mercoledì 9 ottobre il compleanno dell’archeologia continuerà con le visite didattiche per gli istituti scolastici curate dai volontari del patrimonio archeologico: un’occasione in più per avvicinare i giovani alla conoscenza e alla tutela della nostra memoria.

Informazioni e prenotazioni per le scuole: “Valle di Susa. Tesori di Arte e Cultura Alpina” – Segreteria, tel. 0122622640 – info@vallesusa-tesori.it.

Sara Ghiotto

© Riproduzione riservata