La vecchia capitale, la città che fu prima di Cozio e poi di Adelaide, località millenaria intrinseca di cultura e di storia, ha alle spalle una lingua tradizione dialettale riportata da numerosi fonti storiche. Ed è proprio questo patrimonio che il Comune di Susa ha voluto valorizzare, rispolverando il patois francoprovenzale di fine Settecento per denominare le nuove vie che nasceranno nei prossimi mesi a ridosso della Strada Statale 24.

Il progetto, annunciato dalla giunta Plano nel 2017, è iniziato quest’anno con il riordino della toponomastica e della numerazione civica delle frazioni segusine sulla S.S.25. Ora, in seguito alla delibera comunale approvata lo scorso 16 ottobre, i lavori saranno avviati anche sul versante opposto della città.

Il progetto prevede l’intitolazione di 15 nuove strade, per un totale di oltre 13 chilometri, e un’unica e univoca denominazione della Strada Statale 24, dal bivio in cui sfocia via Fratelli Vallero sino al confine con Bussoleno.

Le modifiche interesseranno i residenti di via Meana, delle regioni Ricciarda e Castelpietra, della borgata Garelli e delle frazioni Traduerivi e Coldimosso.

Il Comune si occuperà di aggiornare a costo zero i documenti di tutti i residenti. Analizziamo quali sono le neo-vie che sorgeranno nei prossimi mesi e la loro locazione.

Via Torino. Indica la strada corrispondente alla S.S. 24, a partire dal bivio cui confluiscono le vie Fratelli Vallero e S.S. 24, e fino al confine con il Comune di Bussoleno. La nuova via Torino assorbe ora il primo tratto di via Meana, la soppressa Regione Ricciarda, i tratti di Regione Castelpietra, Borgata Garelli, Frazione Traduerivi, Frazione Coldimosso i cui accessi si affacciano sulla S.S. 24.

Via Cascina Ronchail. La nuova via parte dalla S.S. 24 e conduce al complesso conosciuto come Cascina Ronchail.

Via Balma di Grosso. La nuova via, che si diparte sul lato destro di S.S. 24, conduce all’omonima località.

Via Castelpietra. La nuova via coincide con la strada principale della precedente omonima Regione, che viene mutata in “via” e dalla quale si diparte ora via delle Tre Pene.

Via delle Tre Pene. La nuova via parte dal lato destro di Via Castelpietra e conduce all’omonima località.

Via Garelli. La nuova via attraversa, a partire dal lato destro della S.S. 24, l’omonima Borgata, che verrà mutata in “via”.

Via La Presidenta. La nuova via si diparte sulla destra della S.S. 24 e conduce all’omonima località.

Via Traduerivi. La nuova via coincide con la strada principale della precedente Frazione, che viene mutata in “via”, e da cui si dipartono ora le nuove via dell’Artigianato, via Cordera, via delle Alpi, via Giusti, via Borgo Vecchio.

Via dell’Artigianato. La nuova via interessa la zona (ex area P.I.P.) destinata ad insediamenti produttivi, artigianali e commerciali.

Via Cordera. La via parte sul lato destro di via Traduerivi e conduce all’omonima località.

Via delle Alpi. La via parte da Via Traduerivi nei pressi della Cappella votiva e raggiunge il territorio del Comune di Meana, precisamente all’incrocio con strada della Cavallotta.

Via dei Giusti. La nuova via è situata all’interno della Frazione Traduerivi e prende il nome dalla fortificazione medievale “La corte dei Giusti”.

Via Borgo Vecchio. La via attraversa il borgo vecchio della Frazione Traduerivi.

Via Coldimosso. La nuova via coincide con la strada principale della precedente Frazione mutandola “via”, da cui si dipartono ora le nuove vie alla Centrale e della Chiesa.

Via della Centrale. La nuova via si trova all’interno della Frazione Coldimosso e conduce alla Centrale Elettrica costruita dalla Società Alta Italia, verso Bussoleno.

Via della Chiesa. La via si diparte a sinistra della via principale della Frazione Coldimosso e porta fino al Borgo Vecchio.

Ilaria Genovese

 

© Riproduzione riservata