Gli ospiti della Comunità “I Pini” di Susa, questa mattina riceveranno il loro libro.

L’appuntamento è per questa mattina giovedì 6 maggio alle ore 11,15 presso la Comunità “I Pini” per la consegna ufficiale del libro ‘Quello che rimane del piccolo principe nella malattia – Poesie, racconti e disegni degli ospiti della Comunità psichiatrica “I Pini” di Susa realizzati tra settembre e dicembre 2018’, edito da Sillabe di Sale.

Si tratta di un progetto del Lions Club Susa Rocciamelone che ci presenta la presidente Maria Teresa Vivino: “Il libro racconta l’esperienza di un service Lions e contiene i lavori degli ospiti della comunità e che verrà messo in vendita per recuperare nuovi fondi da destinare ad altri service. Per questo invitiamo ad acquistare il libro e a diffondere l’iniziativa. Il testo è reperibile tramite prenotazione sugli store on line e tramite libreria. La prefazione è stata redatta dalla dottoressa Nicoletta Gava, responsabile del Centro per l’Ipnosi di Torino e grazie all’interessamento del dottor Mauro Cavarra. La presentazione del libro all’interno dell’illustrazione dei service e della charter di club avverrà invece a inizio giugno”.

Tempo di ringraziamenti per il Lions Club Susa Rocciamelone nelle parole della presidente Vivino: “Ringraziamo il centro per l’Ipnosi e la direzione sanitaria e di struttura della Comunità i Pini, nelle persone di Giancarlo Pellegrino e Graziella Muscatello, per la possibilità di effettuare il Service, e del dottor Andrea de Luca, psicologo della Comunità e la dottoressa Caterina Agus antropologa, che ha seguito passo passo il progetto. Un grazie va anche al personale Oss, Educativo e Infermieristico, per il supporto. Molti conosceranno Alda Merini, non nego di averla  lungamente citata nel libro, ma credo che poter leggere questo lavoro letterario, correlato di immagini realizzate dagli ospiti, con disegni di eccezionale impatto emotivo, possa dare qualcosa ad ogni persona che lo legga, raccontando uno spaccato non sempre molto conosciuto, in ultimo in appendice si trova qualche proposta laboratoriale ripetibile dal singolo, in coppia e in gruppo, un libro di scrittura creativa redatto a tante mani”.

Luca Giai

© Riproduzione riservata