Che cosa sta succedendo in questi giorni sulla SS 25, esattamente al Cavalcavia di Regione Polveriera?

È infatti apparsa una nuova segnaletica a terra di colore giallo ad indicare e delimitare un netto restringimento delle carreggiate, e gli operatori dell’Anas hanno anche provveduto a mettere cartelli che impongono il divieto di transito ai mezzi più pesanti, superiori alle 3,5 tonnellate.

Di che si tratta? Di un intervento di normale manutenzione stradale, o c’è sotto qualcosa di più serio, che potrebbe implicare interventi più importanti, magari strutturali, allo stesso ponte?

In effetti, ad esaminare lo stato della struttura, osservandola dal di sotto, sembrerebbe ci sia davvero poco da stare allegri: la situazione attuale del cavalcavia impressiona, dato che vi sono crepe e ferri di armatura rotti e arrugginiti che sbucano ovunque.

Non è certamente il caso di lanciare allarmi ingiustificati, però, dopo il crollo a Genova del ponte Morandi, la cosa può certamente preoccupare.

Articolo completo su La Valsusa del 7 marzo.

Giorgio Brezzo

© Riproduzione riservata