Martedì 3 novembre, alle 9, è stata firmata in vescovado, la convenzione tra la Diocesi segusina, la fondazione “Don Mario Operti” di Torino, organismo legato alla diocesi torinese che promuove azioni di solidarietà attiva, ed il liceo Rosa di Susa e Bussoleno.

La firma sancisce la collaborazione per dare vita ad un nuovo, interessante progetto di alternanza scuola-lavoro, rivolto in particolare alle classi terze e quarte della sede bussolenese dell’istituto.

Erano presenti l’Arcivescovo, monsignor Cesare Nosiglia, il dirigente scolastico, Ciro Fontanello, il direttore della fondazione, Gianfranco Bordone, ed il professor Andrea Isabello, docente di matematica al liceo di Bussoleno, oltre ad Alessandro Brunatti, direttore della Caritas diocesana e funzionario della curia segusina.

Il progetto è costituito da un corso di formazione, che potrà partire entro Natale, ed avrà luogo anche in questi tempi difficili di emergenza sanitaria e lockdown perché completamente trasferibile dalle aule anche in modalità a distanza, grazie all’uso del web.

Il corso sarà tenuto da Engim Artigianelli, scuola torinese specializzata nell’avvicinare i giovani al mondo del lavoro.

Servizio su La Valsusa del 5 novembre.

Giorgio Brezzo

© Riproduzione riservata