Un tempo, diversi decenni fa, la collina morenica da Rivoli a Reano era tutta costellata di vigneti, oggi la vite in questa zona è invece praticamente scomparsa, la campagna è in larga parte abbandonata e le colture, di qualsiasi genere, sono divenute sempre più rare”.

È una constatazione fatta con un po’ di nostalgia da Guido Ruffino, reanese che ha fatto della viticoltura e della produzione vinicola una costante della sua vita e che rappresenta la terza generazione di una famiglia profondamente votata al lavoro nella vigna.

Per lui era quindi inevitabile arrivare a fondare la Vitivinicola Rhea, omaggio all’arte di fare il vino ed alla storia ed alla cultura del territorio di Reano.

Servizio su La Valsusa del 29 ottobre.

Riccardo Salomoni

© Riproduzione riservata