Cammina appeso al filo della Tav il cammino del Governo. E i leader gialloverdi danno prova di complesse evoluzioni tra acrobazie ed equilibrismi dialettici.

E’ di qualche minuto da la dichiarazione del Premier Conte a proposito dei bandi che Telt dovrebbe emanare lunedì: “Adesso vedrete, presto conoscerete le mie determinazioni al riguardo. Non anticipo nulla. Dobbiamo lavorare, l’Italia vuole che noi lavoriamo non vuole che noi ci fermiamo a fare dialettica”.

Mentre Salvini, nonostante le divergenze sulla Tav con i pentastellati, dichiara: Nessuna crisi di governo e nessuna
nostalgia del passato, lavoriamo per unire e per dare lavoro, sviluppo e futuro all’Italia. Col buonsenso si risolve tutto”.

Ma cosa accadrà lunedì nessuno ancora lo sa.

© Riproduzione riservata