Mentre gli operatori sanitari sono letteralmente “in trincea” in quella che è diventata un’autentica guerra contro il Coronavirus, ci sono anche altre categorie di lavoratori che continuano a svolgere le loro attività, senza le quali non riusciremmo a resistere per più di qualche giorno.

Un esempio sono i netturbini delle aziende Cidiu e Acsel che operano rispettivamente in Val Sangone e in Val di Susa e che continuano a raccogliere i nostri rifiuti, evitando che i nostri paesi si trasformino in discariche a cielo aperto.

Nei giorni scorsi, alcuni cittadini hanno voluto ricordare il valore anche di queste figure professionali, apponendo sui loro cassonetti dei semplici fogli da disegno su cui sono state disegnate o semplicemente scritte parole di gratitudine.

Anche questi piccoli gesti sono segni portatori di speranza.

© Riproduzione riservata