Torna, questa volta in una versione completamente rivista e aggiornata, il libro “Tutto e subito”, scritto a quattro mani dagli imprenditori Paolo Pollacino ed Elisabetta Ruffino, rispettivamente fondatore e responsabile del Marketing di MotivexLab, la piccola azienda- laboratorio aviglianese leader nel settore delle prove distruttive e dei test sui materiali metallici per il comparto automotive, che ha come clienti i fornitori delle più blasonate case automobilistiche italiane e straniere (Fca, Ferrari, Maserati, Bmw, Volkswagen…). Nato come autopubblicazione, questa volta “Tutto e subito” è uscito per Il Salvagente, rivista edita da Matteo Fago e diretta da Riccardo Quintili, primo di una nuova collana di libri che si chiama “Libri Salvagente” e sarà interamente dedicata agli imprenditori virtuosi e alle loro storie.

“Tutto e subito” non è soltanto un elenco di fatti e date che hanno segnato la storia della MotivexLab, ma è quasi un romanzo che talvolta assume la tinta del giallo.

È il racconto di Paolo, un ragazzo appassionato di motori e velocità che, all’inizio degli anni ‘90, investe parte dei suoi risparmi di venditore di testi scolastici in gomme e carburante per le corse di rally nei fine settimana. All’improvviso, arriva però l’inaspettato e sofferto stop alle gare che spinge Paolo a rimettersi in gioco, questa volta in un altro campo, dando vita, nel 1998, in una via periferica di Torino, a un piccolo laboratorio, insieme a un socio egiziano che millanta di avere conoscenze in tutto il mondo, ma che poi sparirà nel nulla, lasciando il ragazzo solo con i suoi creditori.

In quel momento, Paolo realizza di potere contare soltanto su sé stesso e sulla propria intuizione per cercare di dare uno stipendio ai suoi unici due dipendenti, uno dei quali lo tradirà, fondando un laboratorio concorrente destinato però ad avere vita breve. MotivexLab, tuttavia, cresce e si trasferisce prima a Sant’Ambrogio e poi ad Avigliana.

La crisi iniziata nel 2008 rimescola le carte e, per sopravvivere, l’azienda decide di puntare tutto sulla velocità dei risultati dei test, consegnati ai responsabili qualità delle aziende clienti in 24 ore, contro i 10- 20 giorni generalmente necessari, in modo da garantire, nel più breve tempo possibile, la ripresa della produzione. Una scelta che si è rivelata vincente e che ha permesso di portare il numero dei dipendenti dai 2 del 1998 ai 15 attuali.

“In un mondo sempre più dominato dalle grandi multinazionali e dalle macchine la nostra piccola azienda, pur riconoscendo il valore dell’automazione e facendone uso, crede ancora fermamente nella ‘componente umana’, l’unica in grado di dare quel valore aggiunto che è sinonimo di vera qualità e di efficienza” è il commento di Elisabetta Ruffino, entusiasta per questo nuovo lancio, ad appena una quindicina di mesi dalla prima autopubblicazione.

Maggiori informazioni sul sito di MotivexLab

Alberto Tessa

© Riproduzione riservata