Ha causato un po’ di delusione (specie tra i più piccoli) e qualche malumore (tra i genitori) l’annullamento dell’esibizione del coro formato da un centinaio di alunni delle scuole primarie di Trana e della frazione San Bernardino in programma nel pomeriggio di giovedì 19 dicembre nella chiesa parrocchiale della Natività di Maria.

Come lamentato da alcuni genitori, l’annuncio da parte della scuola è avvenuto con preavviso di appena due giorni rispetto alla data prevista, creando disagi in particolare per coloro che hanno richiesto permessi lavorativi.

Alla base della decisione presa dalla direzione della scuola ci sono motivi logistico- organizzativi, in quanto non vi è stato tempo sufficiente per pianificare in modo adeguato gli spostamenti tra scuola e parrocchia.

I bambini si sono comunque esibiti  a scuola martedì e giovedì mattina in occasione degli “auguri di Babbo Natale” e durante la festicciola per l’estrazione della lotteria.

Per alcuni genitori sono comunque suonate sospette le motivazioni legate alla sicurezza degli alunni e si è persino ipotizzato che da parte di “altri” genitori siano arrivate alla preside pressioni per annullare l’iniziativa prevista in chiesa in nome di non ben precisati motivi di garanzia della laicità dell’istituzione scolastica.

“Niente di tutto ciò dietro la decisione, presa a malincuore, di rinunciare al concerto dei bimbi della scuola primaria – ha confermato la direttrice dell’istituto comprensivo, professoressa Rosa Berardi – ma piuttosto la mancanza di tempo sufficiente per mettere a punto un piano di coordinamento che garantisse in tale circostanza sicurezza ed efficienza”.

Riccardo Salomoni

© Riproduzione riservata