Pare fosse un’assidua presenza, quella del capriolo che frequentava il giardino di un’abitazione di Villar Dora situata ai margini del bosco.

Il padrone di casa, Simone Vercellina, ha riferito di avere osservato per mesi la presenza dell’ungulato nella sua proprietà, specialmente durante le ore mattutine.

L’idillio bucolico si è bruscamente interrotto lo scorso 4 dicembre, quando lo stesso residente ha annunciato la morte violenta dell’animale con un post su un gruppo pubblico di Facebook: “Qualche mese fa pubblicai la foto di un capriolo che veniva a trovarci all’alba nel mio giardino. Oggi devo pubblicare la foto di questo capriolo ucciso nella mia proprietà e che ho trovato morto dissanguato davanti alla porta di casa mia”.

Il proprietario ha poi riferito di essersi rivolto alle Forze dell’Ordine per fare luce sull’accaduto: “I Carabinieri hanno fatto i rilevamenti e sono sulle tracce di chi ha osato compiere questo atto vergognoso e indegno di un uomo. Inoltre sparare vicino a un’abitazione privata e all’interno di una recinzione privata è un grave reato che denuncio e che perseguirò con ogni mio mezzo possibile”.

L’uccisione del capriolo nei pressi delle abitazioni del paese ha suscitato un’ondata di indignazione fra il vicinato e i concittadini, che hanno auspicato l’individuazione e la condanna del responsabile del fatto.

L.R.

© Riproduzione riservata