Alpignano – Cent’anni fa nasceva in un paesino di campagna della provincia di Mantova Orfeo Lucio Pianelli. Il suo nome sarà indissolubilmente legato al Torino Calcio e alla Pianelli & Traversa, l’azienda che dal ’45 agli anni ’80 ha dato lavoro a migliaia di persone.

Orfeo, che in famiglia è sempre stato chiamato Luciano, era il primo di tre fratelli: quattro anni dopo di lui è nata la sorella Vanda e nel 1927 Cesare.

Dopo la scuola, Luciano inizia a lavorare ma il Piemonte industriale lo attira: nel 1936 si trasferisce ad Alpignano, ospite degli zii materni Ines e Bruno Montagna.

Si iscrive alla scuola Radio Elettra di Torino perché il mondo dell’elettricità lo affascina.

Pochi anni dopo, prima dell’inizio della guerra, chiama la famiglia ad Alpignano: mamma, papà, Vanda e Cesare trovano casa in piazza Bellingeri, in affitto da Pasquero.

Luciano lavora a Torino, papà trova lavoro nella falegnameria Mantello, mamma fa la sarta in casa.

I ricordi di ‘zio Luciano’ sono ben impressi nella memoria di Patrizia Ardinzone, figlia di Vanda Pianelli e nipote prediletta.

Articolo completo sul settimanale La Valsusa del 17 dicembre

Carmen Taglietto

© Riproduzione riservata