In vista delle olimpiadi invernali che si svolgeranno a Pechino, in Cina, nel 2022, le montagne olimpiche piemontesi, indimenticato scenario di gara alpino dei Giochi Invernali di Torino 2006, sono tornate ad ospitare una delegazione cinese.

Venerdì 16 novembre, il comitato cinese, ha fatto visita ai siti olimpici di Pragelato, Sestriere e Bardonecchia.

L’occasione per questo sopralluogo è arrivata a lato del convegno, organizzato sabato 17 a Torino da BODA – Beijing Olympic Development Association e IDG group, dal titolo “Eredità olimpica di Torino 2006 e Pechino 2008 verso Pechino 2022”.

L’evento è stato promosso da Turismo Torino Provincia, Politecnico di Torino, Camera di Commercio di Torino e Camera di Commercio italiana in Cina, in collaborazione con Regione Piemonte, Città di Torino,Torino Olympic Park, Fondazione XX Marzo 2006, Unione Montana Comuni Olimpici, ViaLattea, Bardonecchia e WWSE2022.

Un convegno per confrontarsi sull’eredità olimpica dopo i giochi, aprendo il dialogo sulla possibilità di collaborazioni future verso il 2022, quando i giochi olimpici e paralimpici invernali si svolgeranno a Pechino.

Un legame forte e consolidato quello tra Torino e Pechino, entrambe città olimpiche che potranno mettere a disposizione la propria esperienza per future edizioni dei Giochi.

Due le esperienze chiave nel percorso di avvicinamento ai giochi di Pechino 2022 e proposte da una parte dal Politecnico di Torino e dall’altra parte da Turismo Torino e Provincia e Camera di Commercio di Torino.

I consolidati rapporti dell’Ateneo torinese con la Cina, si sono concretizzati, proprio in ambito olimpico, nell’affidamento al Politecnico del progetto riguardante la conversione degli spazi della Oxygen Factory di Shougang in un centro di accoglienza per il pubblico delle Olimpiadi del 2022 – “The Olympic Experience”- frutto della collaborazione tra l’Ateneo e la Tsinghua University.

Turismo Torino e provincia e Camera di Commercio di Torino hanno presentato, le attività svolte a Pechino, anche in collaborazione con la Camera di commercioitaliana in Cina, proponendo l’avvicinamento alle attività sportive invernali e coinvolgendo i propri associati a Torino e Pechino.

La Camera di Commercio italiana in Cina ha organizzato uno specifico Gruppo di Lavoro Sport, anche a beneficio di aziende non ancora insediate in Cina ai fini di aiutarle ad affrontare un mercato dello sport invernale molto promettente in prospettiva 2022: si può prospettare un mercato di circa 10 miliardi di euro per gli impianti e un turismo invernale di circa 87 miliardi di euro.

© Riproduzione riservata