Comune di Vaie e Farmacia Padre Pio distribuiranno, da lunedì 6, le mascherine protettive per l’emergenza Covid-19. Si tratta di 2000 mascherine acquistate a un euro l’una: la spesa è stata sostenuta per metà dal Comune e per l’altra dalla farmacia di Vaie dei dottori Giuseppe e Carlotta Chiellino. Nella giornata di martedì 31 marzo al Comune sono arrivate le prime 500 mascherine, e nei prossimi giorni arriveranno le altre. A fabbricarle la Editur Promotion, di Salbertrand. Si tratta di mascherine lavabili a mano e riutilizzabili, usando detersivi non aggressivi o disinfettando con acqua a 100° senza strizzare

L’iniziativa – spiega il sindaco di Vaie Enzo Merini – è nata da un’idea molto semplice: prevenire l’ulteriore diffusione del virus, pensando soprattutto alle persone positive ma asintomatiche. In questo modo chi esce di casa, sempre per situazioni di stretta necessità, ne sarà dotato”.

Merini precisa: “Non voglio sollevare una polemica rispetto agli altri paesi. Abbiamo voluto semplicemente dotarci il prima possibile di dispositivi di protezione per dare un aiuto ai nostri cittadini. L’investimento è stato ridotto: si sono dirottati alcuni soldi del Comune, riservati solitamente alle situazioni di svago e di festa, per spenderli per la salvaguardia della salute”.

La popolazione di Vaie è di 1412 abitanti: le 2 mila mascherine ordinate sono perciò più che sufficienti. “Un ringraziamento grande va alla farmacia Padre Pio”, precisa il sindaco Merini.

Il nostro è stato un gesto di solidarietà – spiega il titolare della farmacia Giuseppe Chiellino – sulla salute pubblica non sono ammissibili attività speculative e di lucro come purtroppo è già capitato. Appena siamo venuti a conoscenza della volontà del Comune di acquistare le mascherine, avendo noi già prima ordinato una parte, abbiamo voluto dare supporto all’amministrazione e aiutare la popolazione”.

La prossima settimana inizierà la distribuzione: amministratori comunali e volontari suoneranno alle abitazioni  e lasceranno le mascherine.

 

Andrea Diatribe

© Riproduzione riservata