Rami d’albero come fili che collegano disegni a forma di decorazione natalizia che rappresentano bambini, genitori, insegnanti.

Al centro, nel disegno più grande, c’è lei, Maestra Fulvia (deceduta nel tragico incidente di lunedì pomeriggio) attorniata dai suoi piccoli allievi: “Tutto ciò che hai seminato nei nostri cuori – si legge nel messaggio – lo porteremo sempre con noi”.

Basterebbe questo a raccontare la costernazione che ha avvolto Vaie alla notizia della morte di quella che, dice Elisabetta Ilotti, amica prima ancora che collega di Fulvia Masera, “non era una maestra ma la Maestra, con la M maiuscola”.

Servizio su La Valsusa del 24 dicembre.

Bruno Andolfatto

© Riproduzione riservata