Ambiente, condizione economica e immigrazione. Questi sono i tre temi che più stanno a cuore ai giovani europei e, in Italia, al quarto posto troviamo anche la «situazione giovanile». Il tono è deluso, ma i Millennials continuano a dimostrarsi una generazione attiva, intraprendente, pronta a cercare soluzioni e a declinare i verbi al futuro.

Si tratta della generazione più cosmopolita della storia, nata con il trattato di Maastricht e cresciuta in una terra senza muri né confini, dove sentirsi cittadini del mondo non è un’idea bizzarra ma una percezione comune.L’Italia, però, è uno dei paesi europei in cui il voto dei giovani conta meno: gli elettori under 30, qui, valgono un quinto dell’elettorato. In controtendenza rispetto al resto d’Europa, poi, l’effetto Greta non è riuscito a superare le Alpi e, a differenza dei coetanei europei, i giovani italiani hanno preferito una diversa sfumatura di verde.

Secondo Swg, infatti, il 28% degli elettori della cosiddetta generazione Y (nati tra il 1981 e il 1996) hanno votato Lega. Anche in Val di Susa, com’è noto, il partito di Matteo Salvini ha fatto il pieno di voti per le europee, eppure le elezioni amministrative hanno dato un diverso responso.

I giovani stanno iniziando a farsi spazio nelle amministrazioni locali e forse, un po’ alla volta, riusciranno a far inserire nell’agenda politica quei temi troppo spesso dimenticati dai colleghi più grandi. Sono le piccole azioni, però, a cambiare il mondo: chi meglio dei più giovani consiglieri comunali valsusini, allora, potrebbe provare a spiegare il significato del voto espresso lo scorso 26 maggio?

Un voto che, stando alle loro parole, è sintomo di poca consapevolezza e informazione, ma che a livello locale riconosce e premia l’impegno (anche) dei giovani che, tra studio e volontariato, hanno saputo maturare una certa esperienza oggi spendibile per migliorare la loro comunità. Grazie al loro impegno questioni globali troveranno, quantomeno, risposte locali.

Articolo completo su La Valsusa di giovedì 6 giugno.

Alessia Taglianetti

© Riproduzione riservata