Valsusa Sounds è una playlist musicale, al momento disponibile solo su Spotify e creata dalla band segusina cndb, contenente brani scritti da persone con cui condividi spesso gli stessi ambienti, le stesse strade, le stesse montagne. Da persone che condividono con te quello che vedi, vivi, respiri ogni giorno. La playlist non bada al genere musicale, ma semplicemente l’appartenenza alla Val di Susa. L’idea è quindi di creare una comunità musicale che vada oltre i generi, avvicinando gli artisti agli ascoltatori, ma anche gli artisti agli artisti.

“Crediamo che le canzoni abbiano bisogno di mantenimento nel tempo”, spiega Alessandro Uccelli, il bassista dei cndb. “Per gli artisti emergenti questo sia più difficile: spesso le loro canzoni si ascoltano una volta e poi basta, non con frequenza, perché si privilegia la musica più conosciuta. Valsusa Sounds vuole scardinare questa abitudine, invogliando le persone ad ascoltare e a conoscere la musica emergente, che è ugualmente bella e ugualmente ricca di contenuti”.

“Tutti possono entrare a far parte della playlist, basta che ci contatti”, conclude Lorenzo Bottino, batterista della band. “E’ importante far girare la voce, far pubblicità al progetto, in modo tale da riuscire a inglobare in Valsusa Sounds tutti gli artisti e le band valsusini, anche e soprattutto quelli che noi, personalmente, non conosciamo. Speriamo che con il tempo la playlist si ampli e venga ascoltata da quante più persone possibili. E’ importante sostenere gli artisti emergenti, soprattutto se producono musica nel tuo stesso territorio”.

Al suo interno, al momento, si trovano diciannove brani, numero in costante aumento:

Articolo completo su La Valsusa di giovedì 23 aprile.

Ilaria Genovese

© Riproduzione riservata