La Valle che resiste è pronta a ospitare la quarta edizione del Rebel Camp, il campeggio del Treno della Memoria che, ancora una volta, preparerà i più giovani ad affrontare con la giusta consapevolezza l’importante ricorrenza del 25 aprile. Anche quest’anno l’iniziativa ha ottenuto il patrocinio dell’Unione Montana Valle Susa e, simbolicamente, si svolgerà a Venaus, nell’Arena Alta Felicità di borgata 8 dicembre, luogo simbolo della lotta No Tav. 

Il campeggio resistente prenderà il via lunedì 22 aprile alle 16:00 con un’assemblea di apertura dal titolo Cambiare il sistema, non il clima. Martedì 23, invece, si partirà con la proiezione spin-off del docufilm The Milky Way, seguito da un intervento del regista Luigi D’Alife. Nel pomeriggio, poi, workshop sul tema Senza frontiere né confini. Il 24 aprile sarà il giorno delle Storie ribelli, infatti i partecipanti percorreranno (e puliranno) i sentieri partigiani e ascolteranno l’intervento del partigiano Elso. Il tema della giornata si evolverà con un’analisi delle resistenze più attuali, tra cui la storia del Rojava e La nuova stagione del femminismo.

Tutto si concluderà con la fiaccolata per il 25 aprile che, quest’anno, partirà da Susa e terminerà al Rebel Camp. Tre giorni di approfondimento, condivisione e comunità in cui si cresce come persone e come cittadini, prendendo coscienza della memoria e delle storie di vita di chi ha lottato per la Liberazione e ci ha così donato i diritti di cui oggi godiamo.

Per iscriverti clicca qui e compila il form.

Articolo completo su La Valsusa di giovedì 18 aprile.

Alessia Taglianetti

© Riproduzione riservata