Quella delle “disdesie” è un’antica tradizione che a Villar Focchiardo si ripete da decine di anni. La notte della Befana, tra il 5 ed il 6 gennaio si fanno “scherzi dispettosi” nei cortili aperti, nelle case, per le strade, alle persiane ed a tutti gli oggetti accessibili senza commettere effrazioni.

Classici scherzi sono stati in passato il togliere le persiane a case situate lungo le strade e portarle ad una certa distanza, ben appoggiate o accatastate, oppure spostare una catasta di legna da un cortile al cortile di un’altra casa, o portare una carretta, un carrello nella piazza del paese e molte azioni simili, senza però danneggiare nulla. Al massimo le persone oggetto dello scherzo il giorno successivo dovevano dedicare alcune ore di lavoro per rintracciare i loro materiali e riportarli nella sede di origine.

Purtroppo questa tradizione si è nel tempo un po’ deteriorata fino a raggiungere quest’anno l’aspetto tipico del vandalismo. Sono stati danneggiati e rotti cestini per i rifiuti, cassonetti per l’immondizia, vasi di fiori, statue dello storico presepe che si allestisce da tempo per le vie del paese nel periodo natalizio.

Il punto di ristoro, noto come “Bar dei Folletti” posto vicino al parco giochi di via di Mezzo, è stato oggetto di rotture e danni che superano tristemente il semplice scherzo con cui un tempo si attuavano le “disdesie”. Sono intervenuti i carabinieri che hanno preso atto dei danni e che indagheranno allo scopo di rintracciare gli esecutori.

 

L.F.P.

© Riproduzione riservata